0817345324

Medicina estetica Napoli

Trattamenti per il ringiovanimento

  • Biorivitalizzazione della cute con acido ialuronico

    Il Dott. Varriale Antonio è specializzato in medicina estetica Napoli e pratica con professionalità la tecnica della biorivitalizzazione della cute impiegando l’acido ialuronico. La metodica ha la capacità di ristrutturare il derma ed è indicata per idratare e donare nuova pienezza alla pelle non più giovane. Ciò che attua, pertanto, è un vero e proprio ringiovanimento cellulare, senza tuttavia fare ricorso ad alcun intervento chirurgico. Non ha controindicazioni e non richiede alcuna preparazione né accorgimenti particolari nella fase post-trattamento. Una delle principali cause dell’invecchiamento della pelle è la progressiva perdita di alcune sostanze in grado di renderla tesa ed elastica. Una di queste è uno zucchero, l’acido ialuronico, sostanza che attrae e trattiene l’acqua andando ad idratare e donare volume alla pelle del viso e di alcune zone del corpo come le mani. 


    Con la biorivitalizzazione le cellule della cute vengono stimolate a produrre nuovo collagene e nuova elastina attraverso micro infiltrazioni di acido ialuronico. Il risultato del trattamento è una pelle più tonica e compatta, nuovamente elastica. L’acido ialuronico, sostanza biocompatibile e riassorbibile, può essere iniettata nel derma superficiale del viso, del collo, del décolleté e delle mani. Qui andrà a distribuirsi e ad attirare l’acqua come se fosse una spugna. La metodica della biorivitalizzazione si articola in sedute di breve durata, per un totale di quattro o cinque a distanza di circa un mese l’una dall’altra. I risultati si caratterizzano per essere progressivi e duraturi ma non definitivi. Il trattamento può essere ripetuto sia come tecnica di mantenimento sia come metodica preventiva antinvecchiamento.

  • Medicina estetica Napoli
  • Filler all’acido ialuronico

    Filler all’acido ialuronico

    Il medico estetico Dott. Varriale Antonio impiega i filler all’acido ialuronico per correggere gli inestetismi del viso, come le rughe, e per rimodellare le labbra. La sostanza è infatti in grado di riempire i solchi rendendo la superficie della pelle omogenea e più giovane oppure di donare volume ad alcune zone prive di tono. Con il metodo dell’infiltrazione, l’acido ialuronico viene iniettato nel derma ad una profondità definita, in modo da raggiungere il risultato desiderato. Si utilizza una siringa con ago sottilissimo. Il filler è la tecnica ideale per ottenere un rimodellamento graduale e per chi teme gli interventi estetici invasivi. Non implica una preparazione pre-chirurgica e neanche accorgimenti specifici nelle fasi successive al trattamento. 


    Questo viene eseguito in ambulatorio e dura circa 15-30 minuti. Non essendo un filler permanente, una volta iniettato viene metabolizzato dall’organismo. L’effetto di aumento di volume, ad esempio delle labbra, e di attenuazione delle rughe di espressione o dei segni dell’età è immediato. L’acido ialuronico è una sostanza riassorbibile che dura da un minimo di due mesi ad un massimo di due anni, trascorsi i quali è possibile ripetere il trattamento. I risultati che si possono ottenere con il filler sono i seguenti: carnosità e pienezza delle labbra, rimodellamento delle guance e del mento, attenuazione delle pieghe nasolabiali e delle rughe glabellari e perioculari, anche dette “zampe di gallina”, mimetizzazione degli esiti cicatriziali post-traumatici e post-acneici.

  • Infiltrazioni di botox

    Infiltrazioni di botox

    Tra i trattamenti praticati dal Dott. Varriale Antonio, esperto in medicina estetica Napoli, vi sono le infiltrazioni di tossina botulinica, comunemente indicata come botulino di tipo A. Il farmaco svolge un’azione mirata ad eliminare i segni di stanchezza sul volto come l’abbassamento del sopracciglio e la comparsa di rughe perioculari e frontali. Il botox, nome commerciale del suddetto farmaco, blocca in maniera temporanea la contrattilità dei muscoli implicati nei movimenti mimici del viso. Ciò è reso possibile dalla presenza di una neurotossina termolabile che, una volta penetrata nel muscolo, provoca il rilassamento della zona trattata, con la conseguente distensione delle rughe di espressione e senza compromettere la naturale espressività del volto.

    Finché è attiva, la tossina permette al viso di apparire ringiovanito e rilassato dai tre ai sei mesi, trascorsi i quali è possibile ripetere il trattamento, meglio se prima che gli effetti del precedente siano completamente scomparsi. Le iniezioni di tossina botulinica sono completamente indolore e non necessitano di anestesia. Piccole dosi di farmaco vengono infiltrate nei muscoli mimici impiegando una siringa provvista di ago sottilissimo, in grado di non lasciare tracce. Ai pazienti viene chiesto di contrarre i muscoli facciali in modo da individuare con precisione i responsabili della formazione delle rughe che si desidera attenuare. La seduta ha una durata di circa 15-20 minuti ed i risultati sono visibili dopo quattro-cinque giorni.

  • Peeling chimico del viso

    Peeling chimico del viso

    Il Dott. Varriale Antonio pratica la tecnica del peeling chimico per ringiovanire la pelle del viso. Il trattamento prevede l’impiego di una sostanza chimica ad azione esfoliante, in grado di rimuovere gli strati superficiali della pelle, favorendone il ricambio. Il peeling chimico è particolarmente indicato per intervenire sulle zone interessate da cicatrici da acne, discromie, radiodermiti, rosacea e dermatite seborroica. Il peeling agisce stimolando la rigenerazione cellulare, andando ad eliminare le cellule morte presenti in superficie ma anche quelle danneggiate o degenerate nonché andando ad attivare la produzione di elastina e collagene. Entrambe le sostanze sono fondamentali per rivitalizzare e ringiovanire la pelle. I risultati sono percepibili sia alla vista sia al tatto poiché la pelle appare fresca e rinnovata.

    Il peeling può essere più o meno profondo, a seconda delle aree su cui si desidera intervenire, del tipo di pelle del paziente e dell’inestetismo da trattare. Ciò che il trattamento crea è, infatti, una necrosi dell’epidermide e del derma papillare. Il peeling superficiale è adatto per intervenire, ad esempio, sulle lentiggini solari, sull’acne, sul contorno occhi e sulle rughe superficiali delle guance. Il peeling di media profondità è utile per eliminare i segni della varicella, del melasma, delle cicatrici da acne e delle rughe mediamente profonde. Il peeling profondo, infine, è indicato per ottenere un’attenuazione delle rughe accentuate e particolarmente diffuse nonché per mimetizzare gli esiti cicatriziali. Quest’ultima tipologia di peeling crea una necrosi anche del derma reticolare.